donate
  • L'ANFFAS di Savigliano nasce nel 1994 come sezione dell'Associazione nazionale famiglie di fanciulli e adulti subnormali", fondata a Roma il 28 marzo 1958 e riconosciuta Ente con personalità giuridica nel 1964. Nel 1997 l'ANFFAS diventa "Associazione nazionale famiglie di disabili intellettivi e relazionali" e viene riconosciuta Onlus (Organizzazione non lucrativa di utilità sociale) nel febbraio 2000. Nel novembre 2000 l'Associazione, da sempre struttura unitaria, composta da 195 sezioni distribuite su tutto il territorio nazionale, delibera una modifica statutaria che porta le sezioni a trasformarsi in autonome Associazioni locali, costituenti la nuova base associativa di Anffas Nazionale con un Coordinamento Regionale Piemontese. L'ANFFAS è costituita da familiari di persone affette da patologie quali: ritardi mentali e cerebropatie pre- o post-natali, spesso associate a disabilità fisiche, sindrome di Down, sindromi rare. L'ANFFAS di Savigliano conta attualmente una quarantina di soci, accomunati dalla consapevolezza dei problemi legati all'integrazione sociale, al mantenimento delle capacità psicofisiche e all'angoscioso problema del "Dopo di noi"; risiedono comuni di Savigliano, Fossano, Cavallermaggiore, Racconigi, Monasterolo, Marene, S. Albano Stura, Salmour .

  • L'associazione non ha scopo di lucro e persegue esclusivamente finalità di solidarietà nel campo dell'assistenza sociale, sanitaria e socio-sanitaria, della formazione e della tutela dei diritti delle persone in condizione di disabilità intellettiva e relazionale e delle loro famiglie. Obiettivo prioritario dell'associazione è stato la costruzione in Savigliano (CN) di un centro residenziale (RAF) per disabili intellettivi gravi e gravissimi e di un centro diurno. Tale obiettivo è stato raggiunto nel 2004 con la realizzazione della struttura La rosa blu (RAF con 11 posti letto e centro diurno da 20 utenti). La RAF è operativa dal gennaio 2005 ed è attualmente gestita dalla Cooperativa a marchio ANFFAS La rosa blu Savigliano. L'associazione è ora impegnata nella prossima apertura del centro diurno la cui attivazione è inserita nella programmazione dei Piani di zona..

  • Presidente: Gullino Adelaide
    Vice-presidente: Olocco Bruno
    Segretario: Barbero Paolo
    Consiglieri: Iannelli Vincenzo, Fenu Mocca Fernanda, Restuccia Giuseppe, Salasso Boaglio Lucilla